ECCO A VOI IL GATTO SELVATICO

gatto 2 web gatto selvatico web

 

I gatti randagi  e rinselvatichiti sono fra i protagonisti di un mio documentario, “ Ritorno alla vita selvaggia “,

in cui racconto e descrivo la straordinaria vita dei gatti una volta domestici che ormai vivono di caccia e sopravvivono

in ambienti naturali, spesso a grande distanza dalle abitazioni dell’uomo, il loro antico padrone, convivente, socio…

Forse incontrano anche i veri gatti selvatici, come questo mirabilmente fotografato da Antonio Macioce, fotografo

e naturalista  che accompagna appassionati di fotografia a scoprire lupi e orsi anche  nelle nostre montagne

(www.antoniomacioce.com          www.photobrownbear.it ).

Il gatto selvatico ripreso da Antonio è robusto, ha testa larga, orecchie corte, coda folta con anelli neri ben marcati,

una tipica zebratura sulla fronte e sul dorso. Siamo di fronte ad un animale puro, ma il 90% dei gatti che vediamo

o fotografiamo di notte sono spesso randagi tipo soriano o ibridi. Non è facile identificarli, ma   un gatto selvatico,

anche se avesse un po’ di sangue di gatto domestico nelle sue vene, resterebbe pur sempre una

fantastica e sfuggente minitigre dei nostri boschi, imparentata con quel felino che fa compagnia all’uomo nelle sue

case da migliaia di anni, conservando abitudini e  stili di vita propri dei suoi  più grandi parenti selvatici

Fra un gatto e un grande gatto non c’è molta differenza: il micio che gira per casa e si stiracchia sul divano

e i grandi gatti , cioè la tigre, il leone, il leopardo, il giaguaro e via dicendo appartengono alla stessa famiglia:

i felidi.

Hanno unghie retrattili, baffi sensibili detti vibrisse, denti canini ben sviluppati, vista acuta, olfatto così così,

udito eccezionale e soprattutto amano cacciare.

Che la loro preda sia un’antilope o un topolino, leone e gatto adottano tecniche simili e sono ugualmente

micidiali.Se guardate con attenzione il vostro gatto lo vedrete poco a poco trasformarsi in uno dei

suoi magnifici cugini selvatici.

Provate a rispondere a queste domande per  capire se nel vostro gatto si nasconde un   leone :

  1. micio quando entrate a casa viene da voi e strofina la testa sulle vostre gambe e sulle vostre braccia. Se la risposta è si, allora è un leone. Infatti quando due felini si incontrano si salutano strusciando la nuca sul corpo dell’altro: in questo modo trasmettono anche un po’ del proprio odore. E’ un segnale di pacificazione  e di riconoscimento che viene adottato soprattutto dalle specie che vivono in gruppo come i leoni, ma anche da quelle pià solitarie come la tigre
  2. micio muove la coda quando ha puntato qualcosa di interessante ( una lucertola o un gomitolo di lana) ? Se si allora è un leone. La coda che si muove segnala uno stato di concentrazione massima, la preparazione allo scatto
  3. micio abbassa le orecchie quando è intimorito o adirato? Se si allora è un leone che manifesta così la sua disposizione ad attaccare . Se voi, o un cane o il gatto del vicino fate un altro passo avanti siete fritti.
  4. micio si “affila” le unghie sul divano buono? Se si allora è un leone o un leopardo: in questo modo, graffiando la corteccia degli alberi ( e il divano!) i felini segnalano di essere proprietari di un proprio territorio.

    Nonostante tanti secoli di convivenza con l’uomo ( i primi gatti domestici compaiono già nella civiltà degli antichi egizi migliaia di anni prima di Cristo) i gatti hanno conservato tutte le caratteristiche comportamentali proprie della specie selvatica da cui derivano che pare sia un misto del gatto selvatico africano e di quello europeo, una vera minitigre.

.

 

 

 

Categorie: Diario della Natura

Tags:

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato.